Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI) – Milano, 25 mag. ? Tasso di sopravvivenza a un anno
dall’intervento del 91,6 per cento e una bassa incidenza di
ictus e di leak paravalvolare: sono questi i risultati relativi
ai primi pazienti europei ad alto rischio ad aver ricevuto
l’impianto della valvola aortica Sapien 3 via transcatetere
(TAVI) con accesso transfemorale presentati all’EuroPCR 2015,
uno dei piu’ importanti congressi di cardiologia europei, che
si e’ appena concluso a Parigi. Sempre secondo i dati
presentati, a un anno dall’intervento l’impianto per via
transfemorale di Sapien 3 e’ associato a un’incidenza di ictus
disabilitante estremamente bassa (1,1 per centi). Inoltre solo
il 2 per cento dei pazienti ha presentato moderato leak
paravalvolare – ossia il passaggio di sangue ai lati anziche’
all’interno della protesi valvolare, che crea turbolenze nel
normale flusso – mentre non si sono riscontrati leak di livello
grave. Non e’ infine stato osservato deterioramento strutturale
della valvola. “Il tasso di sopravvivenza nella coorte che ha
subito l’impianto per via transfermorale e’ il piu’ alto
misurato fino ad ora in uno studio su TAVI multicentrico e
interamente dedicato. Questi eccellenti risultati permettono
quindi di stabilire un nuovo standard terapeutico per i
pazienti ad alto rischio chirurgico per la sostituzione della
valvola aortica”, ha spiegato John Webb, direttore dell’unita’
di cardiologia interventistica e dei laboratorio di
cateterizzazione cardiaca presso l’ospedale St. Paul di
Vancouver e professore di cardiologia all’universita’ della
British Columbia, che ha presentato i dati dello studio al
congresso.
.

Il 19 maggio in serata l’Atollo, il nuovo space dedicato alle avventure su Destiny, è tornato a rianimarsi per l’uscita del DLC intitolato Il Casato dei Lupi, ovvero la seconda espansione per lo sparatutto di casa Bungie.

Dopo gli ultimi giorni passati a perseguitare i vari wanted nelle varie galassie abbiamo potuto osservare da vicino finalmente le missioni connesse alle Prigioni degli Anziani, ossia le ondate che rimpiazzano il Raid in PvE, i vendor nuovi di zecca e tutto il nuovo arsenale. Presto si renderanno disponibili anche le Prove di Osiride e quindi potremo analizzare anche il nuovo sistema di progressione ma già dalle prime battute possiamo dire che la qualità superiore e la maggiore ricchezza di contenuti rispetto al primo DLC è innegabile.

Il Casato dei Lupi Hands On

La feccia dell’Atollo

L’Atollo pullula di Insonni, sempre pronti ad affibbiarci compiti da cacciatori di taglie che ci porteranno su Venere o sulla Luna, Caduti e organizzatori di tornei PvP. Lo spazio è piuttosto ridotto ma in compenso potremo muoverci agilmente e senza problemi all’interno del social. Le cinque missioni del Casato dei Lupi affidateci da Petra Venj ci consentono di scoprire in maniera controllata le nuove attività del DLC. Dovremo cacciare vari traditori in zone che abbiamo già visitato nell’avventura principale, percorrendole con un ordine diverso. Su Venere per esempio dovremo fronteggiare il temibile Prelato Arconte. La sceneggiatura di queste quest è stata curata maggiormente da parte di Bungie e infatti i dialoghi sono stati scritti con molto più criterio rispetto al passato. La storia in questo caso verte proprio sui Caduti, traditori che dopo il tentativo di allearsi con altri Casati si impegneranno per disattivare la rete Vex. Peccato che anche in questo caso non saranno presenti alcun tipo di cutscene per arricchire la trama.

Il Casato dei Lupi Hands On

Tutte le missioni sono incalzanti e dal forte tasso di epicità, complice anche la colonna sonora con brani orchestrali davvero coinvolgenti. Le quest si terminano in poco più di tre ore ma gli scorci di paesaggi già amati dalla community rimarranno impressi nella mente degli appassionati. Molto divertente anche l’assalto Il Ladro di Ombre, più bilanciato rispetto alla Volontà di Omnigul.

Vecchietti in carcere

Le Prigioni degli Anziani sono la vera novità ossia una modalità a ondate con boss nuovi di zecca, fasi procedurali e soprattutto nuovo equipaggiamento. Il livello di sfida è al momento piuttosto uguale per tutto a qualsiasi livello ma siamo sicuri che con il passare delle settimane potrà cambiare drasticamente. I boss vanno affrontati da clan ben organizzati pena la sconfitta sicura, perché senza gioco di squadra si è destinati a non avere vita lunga nelle Prigioni. L’ambientazione delle Prigioni è claustrofobica ma al contempo molto frenetica. In molti potranno avere un dejavù con quanto già visto con Firefight di Halo OSDT.

Il Casato dei Lupi Hands On

Il level cap in questo caso è stato fissato 34 e con le nuove armi sarà davvero molto semplice raggiungerlo in brevissimo tempo. Le armi poi sbloccano perk molto più agevolmente che in passato si possono portare nella stessa fascia di danno. Questo DLC dimostra come Bungie stia sperimentando in maniera convincente per portare Destiny a un optimum ancora all’orizzonte, soprattutto per quanto concerne la componente da gioco di ruolo.

Un buon DLC in ogni caso questo Casato dei Lupi. Manca ancora un amalgama forte nella trama e forse alcune ambientazioni “classiche” sono state un po’ abusate. I contenuti e le migliorie per Destiny però non mancano e per il momento questo dovrebbe bastare.

(AGI) – Torino, 25 mag. – Giovanna Milella presidente del Salone del Libro e Giulia Cogoli direttore: e’ questa la proposta che verra’ portata all’assemblea dei soci della Fondazione del Libro. E’ la conclusione dell’incontro di questa mattina a cui hanno partecipato il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, il sindaco di Torino Piero Fassino, gli assessori Antonella Parigi e Maurizio Braccialarghe. L’obiettivo a cui dovra’ tendere la nuova guida del Salone, e’ stato spiegato al termine dell’incontro, e’ l’ulteriore espansione e crescita di un evento che, grazie alla competenza e alla passione di Rolando Picchioni e di Ernesto Ferrero, si e’ affermato come una delle principali manifestazioni internazionali del Libro. Nell’incontro si e’ anche confermato l’obiettivo di una integrazione tra Salone del libro, Circolo dei Lettori e altre istituzioni delle principali citta’ del Piemonte dedite alla promozione del libro e della lettura, nonche’ alla valorizzazione del patrimonio delle librerie e delle biblioteche. (AGI) .

(AGI) – La Spezia, 25 mag. – Contestazione per Renzi a La Spezia. Mentre il premier parlava al campo Limone a sostegno di Raffaella Paita, un gruppo di una decina di persone ha iniziato a scandire ‘scuola pubblica, scuola pubblica’ e a fischiarlo. “Potete fischiare quanto vi pare, noi non siamo quelli che vanno a fischiare alle iniziative degli altri. Noi siamo il Pd”, ha risposto Renzi dal palco.

“Qui stiamo decidendo chi amministrera’ la Regione. Si deve farla finita nel trasformare le elezioni in qualcosa di diverso. Qui non ci si occupa di giochi politici romani”, ha poi detto aprendo il suo intervento .
  “Non dobbiamo consentire a qualcuno di fare della Liguria il laboratorio del ‘bertinottismo 2.0′”, ha aggiunto.

Quanto al risultato delle elezioni amministrative in Spagna, Renzi ha commentato: “Il vento della Grecia, il vento della Spagna, il vento della Polonia non soffiano nella stessa direzione, soffiano in direzione opposta, ma tutti questi venti dicono che l’Europa deve cambiare e io spero che l’Italia potra’ portare forte la voce per il cambiamento dell’Europa nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”.

In un’intervista rilasciata all’emittente toscana Rtv38, il premier ha parlato della riforma della Rai: “bisognerebbe farla entro entro luglio, se vogliamo cambiare la governance, altrimenti andremo al rinnovo con la Gasparri. Quello che e’ importante e’ che nella riforma del sistema radiotelevisivo ci sia attenzione alle emittenti locali, questo e’ un punto chiave e vale per tutta l’Italia”.

“Stiamo cercando di risollevare l’Italia perche’ vent’anni di politica di centrodestra hanno lasciato delle macerie. Silvio Berlusconi e’ il leader politico che e’ stato piu’ giorni a Palazzo Chigi. Se aveva queste belle idee per il futuro del Paese perche’ non le ha realizzate? Perche’ tocchera’ a noi restituire all’Italia la speranza?”, ha detto il presidente del Consiglio. “Salvini urla tanto, si lamenta perche’ gli tirano le uova, giustamente fa bene a lamentarsi, e’ incivile tirare le uova…come del resto Salvini faceva contro gli avversari della sinistra quindici anni fa”, ha aggiunto Renzi.

Salvini ha bisogno tutte le mattine di qualcosa che vada male – aggiunge Renzi – perche’ se accade un incidente, se un barcone va giu’…Salvini e’ contento, cosi’ almeno ha qualcosa da dire. Io rispetto le posizioni di Salvini, ma vorrei raccontare un’Italia basata sulla speranza non sull’odio, sulla possibilita’, non sulla paura, sul coraggio e non sull’urlo”. “Berlusconi lo considero un grandissimo professionista della comunicazione, lo abbiamo visto anche ieri, performance straordinaria”, intervistato da Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’. “Quelli che lo criticano con la puzza sotto il naso, non si rendono conto di come sia tenace e pugnace combattente…certo politicamente i risultati dovrebbero parlare per lui”, ha aggiunto il presidente del Consiglio.

“Berlusconi – dice il premier – e’ quello che, nella graduatoria dei leader italiani, e’ stato di piu’ a Palazzo Chigi…3300 giorni” la domanda e’ dunque “Berlusconi che cosa ha fatto?. “Berlusconi lo rispetto, grande umanita’, ma credo abbia fallito e che quindi” ora “tocchi a una nuova generazione”. (AGI) .

(AGI) – Firenze, 25 mag. – “Il vento della Grecia, il vento della Spagna, il vento della Polonia non soffiano nella stessa direzione, soffiano in direzione opposta, ma tutti questi venti dicono che l’Europa deve cambiare e io spero che l’Italia potra’ portare forte la voce per il cambiamento dell’Europa nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”. Cosi’ il presidente del Consiglio, Matteo Renzi in un’intervista rilasciata all’emittente toscana Rtv38.(AGI)

(AGI) – La Spezia, 25 mag. – “Qui stiamo decidendo chi amministrera’ la Regione. Si deve farla finita nel trasformare le elezioni in qualcosa di diverso. Qui non ci si occupa di giochi politici romani”. Lo ha detto il premier Renzi aprendo il suo intervento a La Spezia a un appuntamento elettorale in sostegno della candidata alle regionali, Raffaella Paita. “Non dobbiamo consentire a qualcuno di fare della Liguria il laboratorio del ‘bertinottismo 2.0′”, ha aggiunto chiudendo il suo intervento. (AGI)

(AGI) – Milano, 25 mag. – Piazza Affari prosegue in netto calo a meta’ seduta, nel clima di profonda incertezza dopo la notizia che la Grecia non paghera’ il debito con il Fondo monetario. L’indice Ftse Mib segna un -2% a 23.306 punti, mentre l’All Share cede l’1,97%. In un paniere principale dominato dal segno meno, in difficolta’ Monte Paschi, che non riesce ancora fare prezzo nel giorno in cui prende il via l’aumento di capitale. Il prezzo indicativo dell’azione e’ a 2,306 euro, che si confronta con un prezzo rettificato di 1,923 euro. Male tutto il comparto bancario, con Unicredit -3,2%, Bper -3,3%, Bpm -3,1%, Ubi -3,1% e Intesa sp -2,5%. Nell’energia, giu’ Eni (-1,7%), Saipem cede il 3%. Nell’industria Fca perde il 3% dopo voci di stampa secondo cui un approccio di Marchionne verso Gm sia stato respinto. Giu’ Finmeccanica (-3,4%). (AGI) .

L’eccellente Bloodborne, gdr d’azione della From Software, arriva oggi alla sua quarta patch, del peso di circa 300 mega, che migliorerà ulteriormente la nostra esperienza a Yharnam, sistemando alcuni bug minori e migliorando il bilanciamento generale.

La lista dei miglioramenti sembra al momento disponibile solo in giapponese, ma alcuni dettagli più precisi sono già stati rilasciati:

.Nel sogno del cacciatore si potranno ora depositare fino a 600 proiettili d’argento, invece dei 99 precedenti
.Nei dungeon calice ora i boss rilasciano ricompense più sostanziose
.Sempre nei dungeon calice, si potranno trovare molti tipi di pietre del sangue in più rispetto a prima
.Si può ora iniziare un matching con password anche se legati a giuramenti diversi, e a prescindere dal livello
.I bug relativi ad alcune armi sono stati corretti
.Corretti alcuni bug generici minori

In contemporanea con le dichiarazioni sulla patch 1.40, il PR della From Software, Yasuhiro Kitao, ha rivelato che dopo l’E3 verranno rilasciati nuovi dettagli sul primo DLC di Bloodborne, previsto entro la fine dell’anno. Ricordiamo che il titolo è uscito il 25 marzo in esclusiva per PlayStation 4.

bloodborne-10

Flag Counter
Facebook Page
Video Calciomercato
Oops, something went wrong.
Video Sport News
Oops, something went wrong.