Newsletter
Flag Counter
Facebook Page
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Cronaca

(AGI) – Bruxelles, 21 lug. – La Corte europea per i diritti umani di Strasburgo ha stabilito oggi la violazione da parte dell’Italia del diritto al rispetto della famiglia e della vita privata, in quanto il Paese non fornisce un riconoscimento legale alle coppie gay per le quali “un’unione civile sarebbe il modo piu’ appropriato per ottenere il riconoscimento delle loro relazioni,” si legge in una nota pubblicata a corredo di una sentenza emessa oggi a seguito del ricorso di tre coppie omosessuali. (AGI) .

(AGI) – Sant’Angelo in Vado (Pesaro-Urbino), 21 lug. – Sgozzato e gettato in un dirupo. E’ l’orribile fine di un 17enne di Sant’Angelo in Vado, in provincia di Pesaro e Urbino. Il corpo e’ stato trovato in localita’ San Martino in Selva Nera e non e’ escluso che il ragazzo sia stato ferito a morte in un altro posto e trasportato nel boschetto dove e’ stato ritrovato. La scomparsa del giovane era stata denunciata dalla madre che aveva avvertito i carabinieri. Ieri mattina una persona ha notato il cadavere, scivolato nel dirupo e finito nei pressi di una chiesetta, e ha dato l’allarme. Le indagini, affidate ai carabinieri, sono dirette dal sostituto procuratore di Urbino, Irene Lilliu. L’allarme era scattato ieri pomeriggio: secondo quanto e’ stato possibile apprendere, il ragazzo avrebbe mandato un sms a un parente; la mamma ha aspettato, inutilmente, che rientrasse in casa, poi ha chiamato i carabinieri, che da subito hanno iniziato le ricerche. Il cadavere era a pancia sotto e intorno al corpo c’erano tracce di sangue. (AGI)

(AGI) – Catanzaro, 21 lug. – Omicidio-suicidio all’alba oggi a Catanzaro. Un uomo di 55 anni, Andrea Zingone, ha ucciso la madre, Fermina Gagliardi, 79 anni, e poi si e’ tolto la vita. I carabinieri della Compagnia di Catanzaro sono intervenuti questa mattina dopo la segnalazione di un cadavere nel cortile interno di un palazzo di via Acri. Gli accertamenti hanno permesso di identificare l’uomo che si era lanciato dal quinto piano del palazzo. Quando pero’ i militari hanno sfondato la porta dell’appartamento, regolarmente chiusa a chiave con due mandate, hanno scoperto il cadavere dell’anziana donna, a terra in una pozza di sangue. Il corpo e’ stato rinvenuto in un bagno, mentre nel secondo bagno di casa e’ stato trovato un coltello da cucina sporco di sangue ed utilizzato per commettere l’omicidio. Nell’abitazione sono state trovate diverse tracce di sangue. L’uomo, un agente di commercio, non ha lasciato biglietti o messaggi per spiegare il suo gesto. (AGI) .

(AGI) – Milano, 21 lug. – I due angioletti in cima, la scritta in rosa ‘Elio ti vogliamo bene’: e’ il saluto a Fiorucci, scomparso ieri, pubblicato a tutta pagina sul ‘Corriere della sera’ a opera del gruppo Ovs-Coin, che nei suoi grandi magazzini distribuiva le t-shirt e i prodotti del creativo milanese dopo la chiusura dei negozi monomarca ‘Love therapy’. Tra i necrologi pubblicati sul quotidiano, poi, il ricordo della Milano della moda e dell’industria. Ci sono Domenico Dolce e Stefano Gabbana, che parlano di un “grande amico, maestro di creativita’ e innovazione, orgoglio per l’Italia nel mondo”; ci sono il designer delle scarpe Arnaldo Pollini e le sorelle Laura e Lavinia Biagiotti (che definiscono Fiorucci “poeta del made in Italy”), c’e’ il saluto di Ermanno e Toni Scervino e quelli, piu’ istituzionali, della Camera nazionale della moda italiana, di Pitti immagine di Federmoda. La famiglia Missoni ricorda “la genialita’ creativa e la grande umanita'” del collega milanese mentre Luciano Benetton ne celebra “il genio creativo anticipatore di moda e stili”; l’amico e compagno di lavoro Oliviero Toscani lo immagina “tra i due angioletti” anche se – scrive – “avresti potuto aspettare ancora un po'”. Anche il designer Gaetano Pesce, da New York, saluta l’amico e la sua “lungimiranza”; quindi, Caterina Caselli, Ornella Vanoni, le famiglie Moratti, Marco Tronchetti Provera con la moglie Afef, il comune di Milano e Michela Brambilla, unita a Fiorucci dalla battaglia in difesa degli animali. (AGI) .

(AGI) – Roma, 21 lug. – Come previsto dalla procedura arbitrale avviata il 26 giugno scorso, l’Italia ha chiesto oggi al Tribunale Internazionale del Diritto del Mare di Amburgo che, nel contesto e fino alla conclusione del procedimento arbitrale, il Fuciliere di Marina Massimiliano Latorre possa restare in Italia, il Fuciliere di Marina Salvatore Girone possa farvi rientro e vengano sospese le procedure della giurisdizione a carico dei Fucilieri in India. Lo rende noto la Farnesina con un comunicato. L’iniziativa odierna e’ dettata dalla necessita’ di tutelare i diritti dei Fucilieri di Marina Latorre e Girone e dell’Italia durante lo svolgimento del procedimento arbitrale avviato il 26 giugno. Come da prassi, il percorso che portera’ il Tribunale di Amburgo ad esprimersi sulle istanze italiane dovrebbe completarsi entro alcune settimane. (AGI) .

(AGI) – Sant’Angelo in Vado (Pesaro-Urbino), 21 lug. – Il cadavere di un ragazzo di 17 anni e’ stato rinvenuto in un dirupo in localita’ San Martino in Selva Nera, nel comune di Sant’Angelo in Vado. Ad un primo esame, il cadavere presenta un taglio alla gola: non e’ escluso che sia stato ferito a morte in un altro posto e trasportato nel boschetto, dove e’ stato ritrovato. Secondo quanto si e’ appreso, lo studente sarebbe scomparso ieri e i genitori hanno allertato gli uomini dell’Arma. Questa mattina, una persona si e’ accorta del cadavere, scivolato nel dirupo e finito nei pressi di una chiesetta, ed ha dato l’allarme. Le indagini, affidate ai carabinieri, sono dirette dal sostituto procuratore di Urbino, Irene Lilliu. Oggi e’ previsto l’arrivo del Ris di Roma. Poco fa, i carabinieri del comando provinciale di Pesaro hanno reso note le generalita’ dello studente: si tratta di Ismaele Lulli, 17 anni, che abita in paese con la madre. I militari non parlano apertamente di omicidio e, al momento, considerano aperte tutte le ipotesi, in attesa domani degli approfondimenti scientifici dei colleghi del Ris. L’allarme era scattato ieri pomeriggio: secondo quanto e’ stato possibile apprendere, il ragazzo avrebbe mandato un sms a un parente; la mamma ha aspettato, inutilmente, che rientrasse in casa, poi ha chiamato i carabinieri, che da subito hanno iniziato le ricerche. Nella tarda mattinata, poi, una persona ha notato qualcosa nel boschetto e si e’ calato lungo un tratto scosceso, al termine del quale, a poche decine di metri da una piccola chiesa, ha individuato il cadavere: era a pancia sotto e intorno al corpo c’erano tracce di sangue. (AGI)

(AGI) – Roma, 21 lug. – Si e’ impiccato in cella il presunto assassino del truccatore dei vip, Mario Pegoretti. Il 18enne romeno e’ il secondo detenuto a morire suicida in 24 ore nel carcere romano di Regina Coeli dopo Ludovico Caiazza, ritenuto il kiler del gioielliere di via dei Gracchi, nel quartiere capitolino di Prati. Il giovane romeno si trovava nella settima sezione del carcere, la stessa in cui era detenuto Caiazza, trovato impiccato con un lenzuolo in cella.

Cisl, ieri morto altro detenuto a Regina Coeli

(AGI) – Roma, 21 lug. – Erano l’incubo delle farmacie romane, ora sono finiti in carcere in un blitz dei carabinieri della compagnia di Roma Trastevere. Su disposizione del gip del Tribunale di Roma sono stati arrestati i presunti autori di cinque rapine. L’indagine dei Carabinieri della Stazione Roma Monteverde Nuovo era iniziata a gennaio 2015 dopo un primo ‘colpo’ in una farmacia in zona Portuense. Attraverso l’analisi dei tabulati telefonici, accertamenti di polizia giudiziaria e riconoscimenti fotografici e ricognizione di persona e’ stato possibile raccogliere glie lementi a carico di due persone in almeno cinque rapine. Il “modus operandi” era sempre lo stesso: i due, entrati in farmacia con il casco e armati di “taser” e puntuerolo, si facevano consegnare l’incasso giornaliero, per poi fuggire a bordo di uno scooter parcheggiato nelle vie adiacenti. Il bottino che e’ stato accertato si aggira ad un valore di circa 10mila euro. (AGI) .

(AGI) – Roma, 21 lug. – Si e’ impiccato in cella il presunto assassino del truccatore dei vip, Mario Pegoretti. Il 18enne romeno e’ il secondo detenuto a morire suicida in 24 ore nel carcere romano di Regina Coeli dopo Ludovico Caiazza, ritenuto il kiler del gioielliere di via dei Gracchi, nel quartiere capitolino di Prati. Il giovane romeno si trovava nella settima sezione del carcere, la stessa in cui era detenuto Caiazza, trovato impiccato con un lenzuolo in cella. (AGI) .