Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Games

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Durante l’ultimo torneo The King of Iron First Tournament 2015, Katsuhiro Harada a grande sorpresa ha annunciato un sostanzioso update per il suo picchiaduro Tekken 7, chiamato “Fated Retribution“.

Questo aggiornamento porterà nuovi personaggi nel roster, costumi e varie migliorie tecniche del gioco. Inoltre, è stato mostrato il debutto di Akuma, personaggio della nota saga Street Fighter che si unirà al roster del gioco targato Bandai Namco. Harada ha spiegato che questo sarà “fortemente coinvolto” nella trama di Tekken 7, ma al momento non ci sono maggiori informazioni in merito. In calce a questa notizia potrete trovare il trailer di debutto di Akuma.

Prima di lasciarvi al filmato, vogliamo ricordarvi che al momento Tekken 7 è disponibile solo in Giappone come cabinato, e arriverà sulle console di nuova generazione durante il 2016.

 

Milestone, la più grande realtà italiana impegnata nello sviluppo di videogiochi per Console e PC, specializzata nel campo dei racing game, ha lanciato, a partire dal 4 dicembre,  il contest “il tuo volto per  Valentino Rossi The Game”.

Dal 4 al 24 dicembre 2015, con pochi semplici passi, tutti gli appassionati di Valentino Rossi e di MotoGP potranno partecipare al contest e vincere la possibilità di vedere il proprio volto all’interno del gioco Valentino Rossi The Game.

Andando sulla pagina dedicata http://valentinorossithegame.com/, verrà richiesto di inserire i propri dati e di scaricare la liberatoria per la partecipazione al concorso, firmarla e caricarla nell’apposita sezione.

Ogni partecipante dovrà, poi, descrivere la propria esperienza di gioco MotoGP™ The Official Videogame in 140 caratteri e  caricare una propria immagine seguendo le guideline indicate.

L’official fan Club VR46 e Milestone selezioneranno tre vincitori che presteranno il loro volto per il nuovo capitolo del gioco ufficiale della MotoGP™ dedicato a Valentino Rossi.

Valentino Rossi The Game sarà disponibile per PlayStation4 , Xbox One e Windows PC/STEAM nel Giugno 2016.

 

In una recente intervista, tenuta su FamitsuYasuyuki Oda ha toccato molti punti interessanti riguardo il nuovo capitolo di The King of Fighters.

The King of Fighters XIV personaggi

Per prima cosa Oda ha rivelato che lui non è l’unico veterano di SNK presente all’interno del team d sviluppo. Sono presenti infatti altri importanti nomi, non rivelati, provenienti dal team di Fatal Fury.
Continua rispondendo alla domanda più frequente riguardo questo quattordicesimo capitolo, ovvero del perché della scelta di passare al 3D. Secondo Oda, il passaggio in tre dimensioni è l’evoluzione naturale che The King of Fighters doveva necessariamente raggiungere. Aggiungendo che dal canto suo, non ha nessun tipo di esperienza con giochi 3D e che di conseguenza questo è il suo primo titolo con questa features.

Novità più interessante riguarda i personaggi del roster. Saranno cinquanta e tutti disponibili al lancio del gioco. A detta sua, tutto il roster è stato già deciso, cercando di introdurre più personaggi di spicco possibili.The King of Fighters XIV personaggi

Nel novembre del 1995, all’inizio dell’era PlayStation, Namco pubblicò il famoso Ridge Racer per l’appena nata piattaforma di Sony. Al di là dell’eccellenza del titolo videoludico, una delle cose che gli utenti ricordano con maggior piacere sono le schermate di caricamento prima di ogni sessione di guida.

Per ingannare l’attesa dei lunghi caricamenti dovuti alla Ram della prima PlayStation, l’azienda di Tokyo vi incluse infatti la possibilità di giocare a Galaxian, il celebre e pionieristico sparatutto (sempre di Namco) uscito alla fine degli anni ’70. Un’ottima idea, che l’azienda pensò bene di bloccare da subito grazie a un brevetto ventennale, scaduto proprio in questi giorni.

Dall’uscita di Ridge Racer gli sviluppatori sono stati quindi costretti a inserire nei loro titoli schermate di caricamento statiche, o al massimo con descrizioni di oggetti, equipaggiamenti e nemici (un accorgimento utilizzato in molti gdr). In qualche raro caso, come nella saga di Assassin’s Creed, l’ostacolo è stato aggirato con intermezzi di caricamento realizzati con lo stesso motore di gioco (il brevetto di Namco bloccava solo i titoli completamente diversi da quello del gioco base).

Lo scadere del brevetto permetterà ora agli sviluppatori più intraprendenti di sfruttare altri modi, incluso l’inserimento di retrogames o minigiochi, per rendere più piacevoli le schermate di caricamento dei titoli moderni.

arcade_classics_galaxian_screen05

Dopo aver rivelato che il remake del settimo capitolo della sua serie più famose avrà con tutta probabilità una formula a episodi, Square Enix ha affermato che vorrebbe rendere la storia di Final Fantasy VII Remake più estesa rispetto all’originale.

storia di Final Fantasy VII Remake

Con un post sul PlayStation Blog, infatti, Yoshinori Kitase ha espresso l’intensione di andare “oltre” l’esperienza narrativa vista nel 1997.

«Per molti anni persone da ogni parte del mondo mi ha chiesto “Farete mai un remake di Final Fantasy VII?” Per molti anni ho dato le stesse risposte e su un piano personale, avendo lavorato all’original FFVII, mi sono chiesto se volessi veramente spendere così tanti anni nel fare lo stesso gioco da capo?

Con Final Fantasy VII Remake abbiamo l’opportunità di andare oltre la storia, il mondo e l’esperienza di Final Fantasy VII in modi che avevamo sempre sognato, dalle profondità di Midgar ai cieli sopra il Pianeta. Il formato multi-episodico ci permette di espandere la storia originale e trasformarla in un’esperienza epica per i fan e i nuovi giocatori.»

Non si tratterebbe quindi di cambiamenti della storia originale, ma di un’espansione della stessa. Il che avrebbe un senso soprattutto se teniamo a mente che già l’originale Final Fantasy VII uscì non del tutto completo, con alcune parti mancanti dal prodotto finale, a causa di limiti di finanziamenti e tempi di sviluppo.
Speriamo che Square Enix sappia sfruttare l’occasione adeguatamente.

 

Beyond: Due Anime è stato l’ennesimo tentativo di David Cage, alla guida di Quantic Dream, di creare un’armonica commistione tra videogioco e film. Il titolo a suo tempo fece scalpore per l’inclusione degli attori Ellen Page e Willem Dafoe, e per come spaccò la critica sulla sua effettiva riuscita.
Dopo poco più di due anni dall’uscita su PlayStation 3, Beyond: Due Anime torna sull’ultima arrivata di casa Sony in versione digitale, in attesa della versione retail che sarà commercializzata assieme alla nuova versione di Heavy Rain, che arriverà solo il prossimo 2 marzo.
La nuova versione si presenta come un porting fedele, con tutti i pregi e i difetti che lo caratterizzarono a suo tempo, con l’aggiunta di alcune feature e ovviamente una presentazione grafica aggiornata. Basterà per meritare l’acquisto?

Beyond Due Anime 01

Protagonista e oltre

Per chi si fosse perso il titolo Quantic Dream a suo tempo, la storia di Beyond ci mette nei panni di Jodie, una ragazza legata sin dall’infanzia a un’entità sovrannaturale invisibile all’occhio umano, chiamata Aiden. Questa sorta di spirito ha cambiato la sua vita in modo radicale, l’ha resa diversa dagli altri e spesso infelice. Attraverso tappe della sua vita narrate in modo non lineare, saltando tra adolescenza, infanzia e maturità, accompagneremo Jodie nella sua vita tra il centro di studi e le sue esperienze come agente della CIA, e oltre.

Rispetto al ben riuscito tono pessimista e opprimente di Heavy Rain, lo stile di Beyond è più drammatico. L’apparato narrativo procede principalmente come un romanzo di formazione, ma troviamo cambi di registro che, se da un lato diversificano l’esperienza, dall’altro la rendono meno armoniosa. Sembra evidente che David Cage, ebbro di ambizione e con a disposizione un apparato grafico impressionante e ben due attori holliwoodiani, si sia lasciato prendere la mano e abbia coinvolto più generi e temi di quanti ne fossero effettivamente necessari per dare una solida identità alla sua visione.
Se negli episodi che si focalizzano sull’introspezione e lo sviluppo dei personaggi il gioco dà il meglio di sé, nei momenti in cui la trama spazia nel concetto troppo poco definito del paranormale e mistico il concept perde parecchio focus; la cornice della sceneggiatura perde di definizione, e finisce così per risultare poco organica e annacquata.
Insomma, il titolo ci presenta una trama che passa da momenti di impatto emotivo sensazionali e ben riusciti, con temi maturi e profondi, a scene più fumose che risultano forzate e diluitive.

Beyond Due Anime 02

Dal punto di vista narrativo la versione PS4 rimane tale e quale a quella originale, compresi i diversi finali disponibili che spesso risultano affrettati.
Da segnalare l’introduzione della possibilità di giocare all’avventura con un ordine strettamente cronologico, diverso quindi da quello non lineare originale. Scelta pressoché inutile, in quanto in questa modalità viene meno tutta l’efficacia narrativa e il taglio cinematografico del titolo (punto di forza per definizione) viene banalizzato.

Alla fine di ogni scena è stata introdotta una schermata di riepilogo delle scelte prese, utile ai giocatori che hanno intenzione di rigiocare l’avventura per vedere tutte i possibili risultati.

Infine, segnaliamo che in questa versione è stato allegato il DLC “Esperimenti Avanzati”, che consiste in un insieme di stage di addestramento CIA in cui Jodie dovrà avere la meglio utilizzando Aiden al meglio. DLC di puro gameplay insomma, niente di rilevante dal punto di vista della trama, ma inclusione praticamente obbligata da parte di Quantic Dream per questa versione.

BEYOND: TWO SOULS

Due anime, una mente

Anche dal punto di vista del gameplay il gioco rimane inalterato.
Come per Heavy Rain, il focus centrale è quello di proseguire nell’avventura compiendo delle scelte tra varie opzioni di comportamento, alcune più moralmente rilevanti di altre. Rispetto al precedente lavoro di Quantic Dream, però, questa volta avremo per le mani un maggior numero di sessioni action in cui Jodie dovrà avere la meglio in contesti ostici, ricorrendo alla lotta corpo a corpo, qualche scontro a fuoco o all’infiltrazione stealth. Potremo poi affidarci ai fluttuanti panni di Aiden, e girare indisturbati con una visuale in prima persona attraverso punti stabiliti dell’ambiente. Aiden può attraversare pareti, spostare oggetti, uccidere o controllare persone; in generale sarà utile soprattutto nei momenti di puzzle solving, o per aiutarci a superare certi nemici.

Un punto fondamentale su cui David Cage ha voluto puntare è che le nostre azioni detteranno l’avanzamento della storia. Nonostante non sia effettivamente possibile “morire”, successo e fallimento comporteranno differenti risultati. Non solo, ma influenzeremo attivamente lo sviluppo dei protagonisti e il loro rapporto con gli altri personaggi. Persino Aiden può essere portato avanti come un’entità benevola o come uno spirito collerico e possessivo.

Beyond Due Anime 04

Fantasmagorìa

Fin’ora abbiamo parlato degli aspetti del gioco rimasti sostanzialmente inalterati dalla versione PS3. Il grosso del miglioramento di questa nuova versione lo troviamo nel comparto grafico.
Ora il gioco gira a 1080p, mentre il frame rate è generalmente stabile sui 30fps; solo in sporadiche situazioni abbiamo avvertito leggeri cali, ma comunque un buon miglioramento rispetto alla precedente versione che spremeva l’hardware della PS3 al limite. Del resto puntare ai 60fps per un titolo che di certo non si focalizza sull’azione non sarebbe stata una scelta oculata.
Trattandosi fondamentalmente di un porting, la conta di poligoni è rimasta invariata, tuttavia questa versione per PS4 vanta un sostanzioso upgrade di effetti grafici. L’illuminazione dinamica è visivamente migliorata, è percepibile un rendering più realistico soprattutto nelle location chiuse, mentre gli ambienti aperti godono di una profondità di visuale più profonda. Migliorati anche le texture dei modelli poligonali (che renderà più appetibili soprattutto i personaggi secondari) e l’effetto motion blur.

Ritroviamo identica anche la spettacolare colonna sonora. Il compositore Lorne Balfe (con la collaborazione di Hans Zimmer come producer) ha saputo creare degli accompagnamenti perfetti sia per i momenti più concitati che per quelli di respiro più emotivo.

Beyond Due Anime 06

Beyond: Due Anime è oggi come a suo tempo un titolo discusso, il risultato della visione di un David Cage lasciato troppo a briglia sciolta. Il gioco, che punta moltissimo sulle straordinarie interpretazioni di Ellen Page e Willem Dafoe, regala momenti di narrazione emotiva senza dubbio validi, ma immersi in una sceneggiatura che fa stridere situazioni e concetti, perdendo di definizione e di efficacia nel suo insieme.
A suo tempo, dopo Heavy Rain, il titolo poteva comunque contare sulla nomea di opera sperimentale approssimativamente unica nel suo genere, e quindi si era più disposti a perdonare certe pecche di sceneggiatura. Ma oggi, dopo i titoli di Telltale Games e Life is Strage, che con i loro ottimi lavori hanno sollevato il livello di questo genere di giochi, l’ultimo nato di casa Quantic Dream viene in prospettiva ridimensionato.
Non stiamo parlando però di un cattivo gioco, tutt’altro. Beyond: Due Anime rimane un’esperienza godibile per quei giocatori aperti a questo particolare genere di avventure fondate pesantemente sulla narrazione e molto poco sul gameplay.
Il porting su PS4 mostra un impegno non superficiale, ma neanche straordinario. È chiaro che il titolo è indirizzato ai giocatori che lo hanno mancato nella scorsa generazione, mentre chi ha già giocato alla versione PS3 può saltarlo senza problemi.

Ubisoft ha annunciato che il DLC Jack lo Squartatore per Assassin’s Creed Syndicate sarà disponibile dal 15 dicembre su console e dal 22 dicembre per Windows PC. La campagna di Jack lo Squartatore è ambientata 20 anni dopo gli eventi di Assassin’s Creed Syndicate e ci vedrà impegnati a dare la caccia al famigerato serial killer nei panni dell’Assassina Evie Frye.

Il DLC Jack lo Squartatore è acquistabile separatamente o come parte integrante del Season Pass di Assassin’s Creed Syndicate che, oltre al DLC, include il pacchetto di missioni “L’ultimo Maharaja”, la missione esclusiva per il Season Pass, “Una lunga notte”, il pacchetto di gioco “Le strade di Londra”, un bonus XP esclusivo e due set di equipaggiamenti e armi di alto livello. Il DLC Jack lo Squartatore è incluso nella Gold Edition del gioco.

ASSASSIN’S CREED SYNDICATE

Questa mattina Nintendo ha ufficializzato la data di uscita ufficiale europea di Bravely Second: End Layer.

Tramite un tweet del profilo ufficiale su Twitter veniamo a sapere che il seguito dell’acclamato Bravely Defaul uscirà nel Vecchio Continente il 26 febbraio 2016, in esclusiva per Nintendo 3DS.

Sarà inoltre disponibile una Deluxe Collector’s Edition che, oltre al gioco, conterrà:

  • la colonna sonora
  • una piccola figure di Agnes
  • l’artbook ufficiale

data europea di Bravely Second End Layer

Ubisoft annuncia che Assassin’s Creed Chronicles India e Assassin’s Creed Chronicles Russia saranno presto disponibili.

Gli episodi finali della trilogia di Assassin’s Creed Chronicles, usciranno in formato digitale rispettivamente il 12 gennaio e il 9 febbraio 2016 per PlayStation 4, Xbox One e Windows PC, e avranno un costo di € 9,99 ciascuno.

Assassin’s Creed Chronicles Trilogy Pack, che includerà i tre episodi, sarà disponibile sugli store digitali e nei negozi tradizionali dal 9 di febbraio, e sarà inoltre disponibile per PlayStation Vita dal 5 aprile.

Assassin’s Creed Chronicles India

Sviluppato da Climax Studios in collaborazione con lo studio Ubisoft Montréal, Assassin’s Creed Chronicles consente di provare il brivido d’impersonare un Maestro Assassino in una serie di nuove ambientazioni in 2,5D.
I giocatori si avventureranno in tre distinti scenari e periodi storici: l’inizio della caduta della dinastia Ming, l’impero Sikh prima della guerra in India e il periodo successivo alla Rivoluzione d’ottobre. Pur essendo indipendenti e dotati di ambientazioni, stile grafico, storie e Assassini unici, i tre titoli saranno collegati tra loro a livello narrativo. Il primo episodio, Assassin’s Creed Chronicles: China, è stato pubblicato ad aprile 2015.

Il secondo episodio, Assassin’s Creed Chronicles: India, immerge i giocatori nel conflitto tra l’Impero Sikh e la Compagnia britannica delle Indie Orientali nel 1841. Quando un Maestro Templare arriva in India con un manufatto misterioso, che un tempo apparteneva all’Ordine degli Assassini, Arbaaz Mir dovrà scoprire il motivo del suo arrivo, rubare il prezioso manufatto e proteggere i suoi amici e la sua amata.

L’episodio finale, Assassin’s Creed Chronicles: Russia, è ambientato nel 1918 e ha per protagonista l’Assassino Nikolaï Orelov, impegnato a completare un’ultima missione per l’Ordine degli Assassini prima di andarsene con la sua famiglia. Il suo obiettivo è infiltrarsi nella casa dove la famiglia dello Zar è tenuta prigioniera dai Bolscevichi e rubare un manufatto conteso da secoli da Assassini e Templari. Pur arrivando troppo tardi per salvare l’intera famiglia dello Zar, Nikolaï riesce a liberare la principessa Anastasia e ora deve fuggire dai Templari, proteggendo sia lei sia il manufatto.

Assassin’s Creed Chronicles Russia

Per ulteriori info vi rimandiamo al sito ufficiale.

Hatoful BoyfriendDate Sim di stampo chiaramente ironico e demenziale, dove ci troveremo a impersonare una ragazza umana in una scuola di soli volatili, sta per avere un seguito.
Hatoful Boyfriend: Holiday Star narrerà una storia diversa anche sotto il punto di vista dell’ambientazione, proponendo un contesto totalmente natalizio, ma sempre demenziale.
Per maggiori informazioni su Hatoful Boyfriend, vi invitiamo a leggere la nostra recensione

Hatoful Boyfriend: Holiday Star data di uscita

Hatoful Boyfriend: Holiday Star, arriverà su Steam il 15 dicembre, su Playstation 4 e Playstation Vita il 22 Dicembre, al prezzo di 22 Euro.

Flag Counter
Facebook Page
Video Calciomercato
Oops, something went wrong.
Video Sport News
Oops, something went wrong.