Newsletter
Flag Counter
Facebook Page
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Un aereo mezzo vuoto e biglietti invenduti. Non c’è cosa peggiore per una compagnia aerea. Poi ci sono quei viaggiatori che spesso procrastinano la prenotazione così tanto che, quando si svegliano, trovano solo prezzi alle stelle. Secondo i dati riportati da Business Insider, è una cattiva abitudine che colpisce iil 24% degli inglesi. Uno su quattro. Per questo è nata, in Gran Bretagna, Air Ticket Arena, un’app che dà la possibilità di prenotare un biglietto aereo, low-cost, all’ultimo minuto. Semplicemente facendo un’offerta e sperando che, nel frattempo, nessuno proceda ad acquistarli a prezzo pieno.

Come funziona Air Ticket Arena

Il primo passaggio da fare è quello di scaricare l’applicazione e registrarsi. Una vola che l’account è stato verificato basterà scegliere la destinazione, la data di partenza e di ritorno e il numero dei biglietti. Il periodo in cui si può fare l’offerta è ben definito: si inizia due settimane dalla data di partenza per arrivare, per chi ama il brivido, al giorno stesso. Se si vuole prenotare anche il biglietto di ritorno è possibile effettuare una seconda offerta fino a 14 giorni dalla partenza. Qualche giorno prima la compagnia aerea controllerà quanti posti risulteranno invenduti e deciderà il prezzo minimo che sono disposti a da accettare. Se domanda e offerta corrispondono si procederà alla prenotazione automatica sul volo.

Funzionerà?

E questa la domanda, e il dubbio, che molti si pongono. Ma la startup scommette sulla volontà, e sull’abitudine, dei millennial di partire senza pianificare nel dettaglio i propri viaggi e sui disagi che molti passeggeri devono spesso affrontare, per lavoro, prenotando con cospicuo ritardo. Per tutte e due le categorie si tratterà di spendere cifre minori rispetto a quelle che abitualmente si leggono quando si cerca di prendere un posto negli ultimi giorni. L’app è stata lanciata il primo febbraio ed è già disponibile per dispositivi Android. Gli utenti iOS, invece, dovranno aspettare il mese di marzo per poterla utilizzare.