Newsletter
Flag Counter
Facebook Page
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Userbot, startup italiana incubata da Polihub che ha sviluppato una tecnologia di intelligenza artificiale per consentire alle aziende di interagire con i clienti, ha chiuso il suo primo round di investimento da 300.000 euro. Le risorse sono arrivate da business angel, tramite l'accelerazione di BacktoWork24. Userbot, spinoff di Mobixee Ltd e parte del gruppo Comunicatica, si appresta inoltre a lanciare la sua prima campagna di equity crowdfunding su Crowdfundme, con una valorizzazione 3 milioni di euro. Userbot punta a superare il tradizionale concetto dell'assistente virtuale per il supporto clienti, basandosi sull'integrazione di intelligenza artificiale e sulla comprensione della richiesta e delle emozioni del cliente.

"L'annuncio di oggi è una prova tangibile dell'impegno che tutto il team di Userbot ha mostrato durante la fase di sviluppo del prodotto – racconta Antonio Giarrusso, Founder & Chief Executive Officer di Userbot – dopo 2 anni di duro lavoro, siamo orgogliosi di aver raggiunto questo importante traguardo. Ma continueremo a spingerci oltre: acquisire risorse è fondamentale per il successo della nostra azienda. Le tecnologie di Intelligenza Artificiale sono la nostra visione del futuro, e vengono utilizzate ogni giorno migliorando e semplificando la vita delle persone. Siamo davvero onorati che professionisti nel campo IT abbiano creduto in noi e non vediamo l'ora di dimostrare le nostre reali capacità."

"Investire in risorse umane e in sviluppo tecnologico, ampliare l'area new business e marketing e guardare all'estero: saranno questi i nostri prossimi passi – afferma Jacopo Paoletti, co-founder e chief marketing officer di Userbot – il nostro piano di crescita prevede infatti, parallelamente al rafforzamento del mercato corporate italiano, l'ingresso in nuovi mercati partendo da quello anglofono (Regno Unito e Stati Uniti in primis) a più alto valore per poi concentrarci sul resto d'Europa (Francia, Spagna, Germania) e nel 2020 su Cina e Russia".