Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

"Vogliamo hackerare il modo in cui si accolgono i rifugiati in Europa". Bassi costi e alta inclusione sociale. Una mission partita dalla Spagna, ma con forte imprinting italiano. Si tratta di "Imby", acronimo che sta per ‘in my backyard’, nel mio cortile e che fa il verso alla sigla di tutti i ‘no’, Nimby): è una piccola eco-casa assemblabile in pochi giorni nel giardino di chiunque si offra volontario per concedere spazio a una famiglia di immigrati o rifugiati.

"Il progetto si basa sulla voglia di ospitalità che sta sorgendo in Europa" dice Ricardo Mayor Luque, 31enne architetto spagnolo autore del progetto, che ha partecipato a Maker Faire a Roma. "Alcuni anni fa un’organizzazione francese ha aperto una call – continua – per chi volesse mettersi a disposizione per accogliere dei migranti: in un giorno sono arrivate 4000 chiamate da 4000 persone che volevano offrire i loro spazi, i loro giardini, per accogliere".

Il progetto è nato da architetti provenienti da Francia e Spagna con i gruppi "Quatorze" e "DAT Pangea" e dopo essere stato presentato alla Biennale di Venezia nel 2016, lo scorso marzo è stato premiato dall'Ambasciata di Italia in Spagna nell'ambito dell'iniziativa "The Fab Linkage" incentrato sul saper fare e sul nuovo ‘made in Italy’ superando i limiti territoriali e basato sulla sharing economy.

 

Lo scorso 10 novembre c'è stata invece la prima applicazione a Montreuil (Parigi) con la consegna a Sadeq, un rifugiato afghano, del modulo abitativo installato nel giardino di Charlotte e Dominique, una coppia francese. La piccola casa ha una cucina, un bagno, un wc, uno spazio per dormire nel mezzanino superiore e un altro spazio per la convivenza, usato come soggiorno o sala da pranzo. Ad assemblarla ci pensa una fitta rete di rifugiati e volontari che in una settimana danno il via al primo step di inclusione sociale. La facciata è realizzata con una tradizionale struttura in legno e sottostruttura in alluminio, che abbraccia i pannelli in policarbonato.

"E' un circuito chiuso, molto flessibile per il mercato e ha come obbiettivo – dice Ricardo Mayor – quello di fare abbassare il costo delle abitazioni. La casa ha dei benefici termici e di isolamento. Il modulo è in costruzione digitale, si può assemblare attraverso la tecnica giapponese: nessuna vite, nessun attrezzo, nessuna colla. E' una modalità molto semplice, ispirato ai sistemi Ikea o Lego".

Il costo dell'abitazione montata a Parigi è di 34 mila euro e entro 6 mesi, o 2 anni la famiglia che ha accolto il modulo sui suoi spazi può comprare la casa a metà del prezzo o la casa passa a un'altra famiglia e in un altro luogo. "Per questa prima abitazione abbiamo lanciato un crowdfunding raccogliendo 10 mila euro, una Fondazione francese ha messo la stessa cifra e il resto è venuto da altre organizzazioni che collaborano nel sociale. I costi di luce, acqua e gas vengono coperti da un’altra organizzazione di aiuto sociale. Per la famiglia che accoglie il costo è zero".

Il progetto si basa su una permanenza non temporanea ma di medio lungo termine e mira a invertire la separazione quasi assoluta tra "locali" e rifugiati come avviene nei campi libanesi e palestinesi. Il progetto è completamente open source e consente una notevole economia di scala. "Uno dei principi che ho condiviso con gli altri membri del gruppo – conclude Ricardo Mayor Luque – è quello di contrastare il sistema attuale monopolizzato da imprese che non prendono in considerazione le medio lunghe permanenze all'interno dei moduli abitativi rivolti ai rifugiati".

Flag Counter
Facebook Page
Video Calciomercato
Oops, something went wrong.
Video Sport News
Oops, something went wrong.