Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

“La crisi ha accentuato il divario generazionale condannando un’intera generazione, i “giovani”, a non potersi emancipare dai propri genitori”. Lo scrive oggi il Sole 24 Ore che racconta con i dati raccolti dalla Fondazione Bruno Visentini che è in atto un peggioramento delle condizioni economiche – dal lavoro al patrimonio, dalla casa al credito – “rispetto alle fasce di popolazione più anziane e, in assenza di correttivi pesanti, il gap è destinato ad accentuarsi fino al 2030”. Un dato che arriva poco dopo un altro, più incoraggiante, sulla nuova creazione di posti di lavoro in Italia, e sui nuovi trend del lavoro. 

Cosa vuol dire? Che i giovani non riescono a diventare autonomi rispetto ai genitori. “I rischi sono l’esclusione di intere generazioni dal mondo del lavoro, un azzeramento patrimoniale per i nuclei con capofamiglia under 35 fino a quando non erediteranno dai loro genitori. Una «questione abitativa» che spesso contribuisce a rinviare il momento dell’autonomia”. scrive Giorgio Pagliotti. 

E la previsione è anche peggiore: “Nel 2030 vi sarà un netto peggioramento delle condizioni economiche dei nuovi nuclei familiari under 35” scrive il quotidiano economico. “La ricchezza delle famiglie giovani – la somma di attività reali (immobili, aziende e oggetti di valori) e finanziarie (depositi, obbligazioni e azioni) al netto delle passività (mutui ed altri debiti generati) – sarà 20 volte minore di quella delle famiglie totali”. Nei dati elencati dal Sole c’è anche un crollo dei mutui richiesti dai giovani a causa del loro ‘progressivo impoverimento’ (solo il 33% è dato ad under 35). E un unica matrice comune: “Tutti i parametri del divario economico-sociale sono correlati a quello del lavoro: è l’assenza di lavoro il motore del disagio”. Ma questo era un dato già di per sé piuttosto chiaro. 

Flag Counter
Facebook Page
Video Calciomercato
Oops, something went wrong.
Video Sport News
Oops, something went wrong.