Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Londra – La ricerca di una cura contro il virus dell'Hiv potrebbe essere vicina a una svolta. Un uomo britannico di 44 anni d'età è stato il primo di 50 altri pazienti a completare un trial per testare una nuova strategia d'attacco al virus che comprende due fasi: una che "smaschera" le cellule infette dormienti e un'altra che le elimina.

Anche se è troppo presto per concludere che il trattamento funziona, gli esami del sangue sul paziente hanno già mostrato una carica virale non rilevabile. Il trial è condotto in collaborazione tra le cinque migliori università del Regno Unito (le università di Oxford e Cambridge, l'Imperial College London, l'University College London e il King's College London) e il sistema sanitario britannico.

I ricercatori, come riporta il Sunday Times, hanno descritto questo nuovo approccio come "uno dei primi tentativi seri di una cura completa contro l'Hiv". Questa nuova terapia mira a superare uno dei principali ostacoli degli attuali trattamenti anti-Hiv. I metodi attuali, quelli che prevedono l'utilizzo di terapie antiretrovirali, non riescono a eliminare completamente il virus dall'organismo, in quanto esso può "nascondersi" in alcune cellule del sistema immunitario (cellule T) e rimanere dormienti.

Nella nuova ricerca si sta testando una tecnica che prevede prima di rendere visibile tutte le cellule infette e poi di distruggere il virus. Viene quindi iniettato inizialmente un vaccino in grado di trovare le cellule T infette. Successivamente viene utilizzato un farmaco noto come Vorinostat che attiva le cellule dormienti T in modo che possono essere individuate dal sistema immunitario. I primi risultati sono promettenti, ma gli stessi ricercatori precisano che ci vorrà ancora tempo per confermare l'efficacia dell'approccio. (AGI) 

Flag Counter
Facebook Page
Video Calciomercato
Oops, something went wrong.
Video Sport News
Oops, something went wrong.