Newsletter

Flag Counter

Facebook Page

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Roma – Al via la campagna referendaria del Movimento 5 stelle per il 'No' alla riforma costituzionale del governo Renzi. Luigi Di Maio, Vito Crimi, Giovanni Endrizzi, Danilo Toninelli e Fabio Massimo Castaldo sono intervenuti davanti alla Stampa estera e hanno lanciato il sito 'Io dico No'. "Dire No all'ingiustizia fa stare bene", ha detto Endrizzi che ha parlato di una "deforma" che concentra il potere nelle mani del governo e comprime il voto dei cittadini. Un disegno, ha detto, che "parte da lontano", tessuto con un "filo rosso" da Giorgio Napolitano. "Questa riforma non era necessaria", ha detto Crimi, secondo il quale servono ben altre cose, come "una giustizia che funzioni". E questa riforma è come "cambiare macchina a un autista che non sa guidare". "Se dovesse vincere il Sì – ha aggiunto – l'affidabilità di questo Paese peggiorerebbe", ci si troverebbe di fronte "a un caos istituzionale immediato", ha proseguito, perché questa riforma ha bisogno di una "miriade di leggi applicative" e con ogni probabilita' ci saranno ricorsi e contenziosi.

DI MAIO "CI STANNO FREGANDO, RIFORMA E' SOLO UN PARAVENTO" 

"Questa riforma è spacciata dal presidente del Consiglio come 'provvedimento che cambia la qualità della classe politica' e riduce i costi. In realtà è un paravento dietro il quale si stanno nascondendo i mali endemici del Paese e li si sta proteggendo", è stato il j'accuse del vicepresidente M5S della Camera, Luigi Di Maio. Una riforma che, se passa il Sì, diventera' "irreversibile perché per cambiarla anche con un'altra maggioranza bisognerà chiedere il permesso ai nuovi senatori di cambiare una riforma che attribuisce loro dei privilegi". Agli italiani "vogliamo dire: ci stanno fregando. Votiamo No per dire sì a un'altra idea di Paese". La riforma fa ripartire il Paese? Attacca ancora Di Maio citando il premier Renzi: "Mi fa piacere che ammetta che il Paese è fermo", sottolinea. E insiste: "Vogliamo migliorare la qualità della classe politica che ha fatto scappare dalla povertà e dalla corruzione, l'anno scorso oltre centomila persone". Se vince il Sì, spiega, "come oggi i vitalizi della politica ci costano 300 milioni di euro il giorno dopo ci costeranno altrettanto, 300 milioni di euro". Se oggi non ci sono serie leggi contro la corruzione, se passa il Sì – prosegue Di Maio – non ci saranno leggi serie contro la corruzione". L'esponente M5S torna anche sul fatto che un'eventuale vittoria dei Sì "non porterà ad alcun cambiamento neppure sui limiti ai cambi di casacca o sulla trasparenza dei finanziamenti privati ai partiti". (AGI) 

Berlino – Dispersi e diversi feriti in due esplosioni avvenute in altrettanti impianti chimici del gigante tedesco Basf, che si trovano in due città distanti tra di loro circa 30 chilometri, Lampertheim e Ludwigshafen nell'ovest del Paese. La Basf ha chiesto alla popolazione vicina a Ludwigshafen, che si trova un'ottantina di chilometri a sud-ovest di Francoforte, "di evitare gli spazi aperti e di lasciare chiuse porte e finestre delle abitazioni". L'esplosione, avvenuta nel porto nord dove l'impianto lavora gas e petrolio, ha sprigionato una densa nube di fumo e sul posto sono giunte diverse squadre dei vigili del fuoco. Il colosso chimico tedesco ha parlato in questo caso di dispersi e di diversi feriti.

Nell'altro incidente non ci sarebbero emissioni di agenti chimici pericolosi nell'aria. Nell'impianto di additivi per materie plastiche di Lampertheim, per cause non ancora stabilite, è esploso un filtro. In questo caso Basf ha riferito di quattro dipendenti feriti, subito trasportati in ospedale, ma di cui al momento non si conoscono le condizioni. Tutte le attività nei centri industriali coinvolti sono state sospese. (AGI)

“È  come essere dentro al gioco”, amava ripetere un qualsiasi rivenditore di videogame negli anni ’90 nel presentare uno qualsiasi dei primi titoli in grafica poligonale. Banalotto, ma oggi, ottobre 2016, quella frase apapre qualcosa in più della solita e disattesa promessa. PlayStation VR, caschetto per realtà virtuale dedicato a PS4, riesce, al netto di qualche compromesso tecnico, a rendere reale quella promessa ascoltata più e più volte da ragazzino, quando il passaggio dalle due dimensioni al 3D rivoluzionario della prima console Sony appariva, davvero, come qualcosa di rivoluzionario. Lo era, proprio come oggi lo è la realtà virtuale. Un netto salto in avanti per il videogioco e per l’esperienza ludica complessiva, ad un prezzo relativamente basso per un’offerta da valutare con una mano sul cuore e una al portafoglio. E, magari, anche allo stomaco

51165_15_playstation-vr-becomes-1-best-seller-amazon

IN MY PLACE

Si parta dal portafoglio, perché la diffusione di una piattaforma o, come in questo caso, di una periferica passa, gioco forza, anche dal prezzo e, quindi, dall’accessibilità. PS VR ha un prezzo di listino di 399 euro, cui aggiungere necessariamente, nel caso si fosse sprovvisti, una PlayStation Camera da circa 65 euro e, opzionale, una coppia di move da circa 40 euro. E poi, appunto, serve la console, PS4, nella sua versione slim a 299 euro. Prezzo basso, si diceva, in relazione ad un mercato, quello della realtà virtuale su PC, che presenta competitor ben più costosi come Oculus Rift e HTC Vive. Detto questo, appare evidente che PS VR riesca, per certi versi, a proporre un’esperienza vicina ai concorrenti e, in alcuni casi, persino migliore. È migliore, ad esempio, la comodità del caschetto. Leggero, comodo, facilmente settabile in base alla propria testa e ai propri occhi. Anche in presenza di occhiali da vista. Un punto a favore per Sony che, ad ogni modo, se la cava bene anche su altri fronti. L’effetto “griglia”, spauracchio nei giorni prima del lancio, è incredibilmente ridotto, a costo di qualche calo evidente nella risoluzione a schermo, un oled da 5,7 pollici ad una risoluzione di 1920×1080. Poco, rispetto a Oculus e Vive. Abbastanza per garantire una discreta leggibilità del mondo di gioco, troppo poco per una resa capace di replicare una normale esperienza su un monitor full hd. Il visore è, inoltre, esteticamente accattivante, con una linea vincente che nasconde una qualità di materiali plasticosi probabilmente non eccelsa, eppure funzionale. Insomma, per quel che costa, PS VR è un mezzo miracolo, modello produttivo dell’industria giapponese in ambito tecnologico. Una certezza che, appunto, si amplifica quando, pur con alti e bassi, si inizia a giocare.

Appare evidente che PS VR riesca a proporre un’esperienza vicina ai concorrenti

La line up di lancio è piuttosto corposa, con oltre 20 titoli capaci di coprire diverse tipologie di gioco. Dal racing alle avventure sino a sport e sparatutto, PS VR non lesina in varietà e, tutto sommato, neppure in qualità. Manca sicuramente una vera killer application e, per certi versi, diverse esperienze faticano a rivendicare lo status di gioco completo. Eppure, è difficile non ammettere che, data la particolare tipologia della periferica, sarebbe stato probabilmente difficile fare di meglio. La scelta dei titoli disponibili, infatti, sembra fatta apposta per garantire un approdo alla realtà virtuale graduale e indolore. Quasi sempre, per lo meno. Perché Driveclub VBR, esperienza derivativa del gioco originale, rischia di mettere in crisi il più navigato e forte degli stomaci. Non è l’unico caso. I disagi da motion sickness sono, al pari dell’immersività, parte dell’esperienza. Almeno nei primi giorni di prova, s’intende. Non bisogna demordere e, piuttosto, cercare di abituare il cervello ad un nuovo modo di videogiocare. Qualcuno ci riuscirà prima, magari dopo pochi minuti, qualcun altro molto dopo. Certo è che, con il tempo, la nausee e i conati tendono a sparire, permettendo quindi di godere appieno del nuovo modo di intendere il media.

PSVR - 01

Il cuore, appunto. Perché la realtà virtuale è una sorta di sogno lucido per chi, dopo decenni di promesse amplificate da cinema e letteratura, si ritrova a fare i conti con un livello di immersione assolutamente inedito rispetto al videogioco tradizionale. Difficile spiegare a parole cosa voglia dire ritrovarsi all’interno del mondo di gioco e, anzi, è forte la convinzione che la nuova sfida in campo giornalistico sarà quella di descrivere in maniera convincente le sensazioni regalate da questa nuova tecnologia. In attesa dell’epifania e, magari, di testare “con mano” il visore, ci si accontenti di concetti a forte rischio banalità. Essere dentro al gioco vuol dire esalarsi completamente dal mondo reale e dagli stimoli esterni, eliminando le barriere naturali tra occhi e monitor e, quindi, insediarsi all’interno di ambienti virtuali. Se si alza la testa, tanto per capirci, si vedrà il soffitto e il cielo e, se si abbassa, il pavimento o il terreno. Sparisce il salotto, spariscono i muri. Quelli reali, almeno. C’è solo il videogiocatore e il videogioco, insomma, ed meraviglioso.

Una sorta di sogno lucido per chi si ritrova a fare i conti con un livello di immersione assolutamente inedito

Non è tutto oro ciò che luccica. I già citati compromessi del pacchetto confezionato da Sony potrebbero essere considerati risibili, ma rischiano, a seconda del titolo e del singolo videogiocatore, di intaccare l’esperienza. Il primo, più grave, è quello relativo ai move deputati, in alcuni giochi, a simulare gli arti inferiori nell’ambiente di gioco. Tecnologicamente vecchi oltre un lustro, i controller di movimento sono indubbiamente l’anello debole dell’esperienza. Il tracking, ottimo, del caschetto si scontra, infatti, con un rilevamento non certo impeccabile dei move, spesso impreciso e “distratto”. A volte, si inizia bene per poi perdere la tracciabilità degli arti nel bel mezzo dell’azione. Capita spesso e, francamente, appare un problema legato a doppio filo ad una tecnologia datata 2010 e, proprio per questo, difficilmente risolvibile se non con una nuova periferica. Qualcuno, inoltre, potrebbe storcere il naso di fronte alla risoluzione dei giochi, di base inferiore, per mere questione computazionali, ai titoli in full hd cui tutti sono abituati. Una problematica particolarmente evidente in Driveclub VR dove, a fronte di un ovvio calo poligonale rispetto al gioco originale, gli occhi dovranno scendere a patti con evidenti scalette e un fov abbastanza ridotto. Lo stesso accade con Here they lie, l’avventura psicologica targata Tangentlemen dove la complessità poligonale di alcune strutture non viene bissata dalla pulizia grafica. S’intenda, non si tratta di un problema solo visivo, perché tali difetti tecnici,quando troppo evidenti, inficiano anche l’esperienza di gioco amplificando i fastidiosi fenomeni di nausea già citati. Problemi di gioventù, si dirà, ma il tutto è anche colpa, probabilmente, del famigerato “collo di bottiglia” in dote all’hardware PS4. Inutile, comunque, farsi prendere dal panico. In attesa di testare le possibilità offerte da PRO, la problematica appare nettamente ridotta in altri titoli, sino a scomparire del tutto in altri. Tra tutti i giochi al lancio, probabilmente è Rez Infinite quello più adatto a ricoprire il ruolo di portabandiera. Pur trattandosi di una riedizione di un titolo del 2001, l’opera di Tetsuya Mizuguchi, forte della nuova Area X, rappresenta la perfetta commistione tra gameplay e spettacolo, immergendo completamente il giocatore in una sorta di limbo sensoriale. La prova provata, insomma, che Sony ce l’ha fatta, proponendo un visore di qualità ad un prezzo estremamente competitivo. Non è stato il primo ad arrivare sul mercato, non è neppure il migliore in termini assoluti e gira su una console vecchia di tre anni. Eppure, appunto, funziona. Abbastanza bene da riportare alla mente quel commesso e la sua promessa: “è come essere dentro al gioco”. Nel bene e nel male è proprio così.

L’articolo PlayStation VR – Recensione è estratto da GamesVillage.it.