Newsletter

Flag Counter

Facebook Page

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Milano, 11 mag. – Creata all’Universita’ Statale di
Milano una proteina sintetica che aiutera’ a svelare i misteri
di neuroni. Ribattezzata BLINK1, questa proteina e’ capace di
inibire l’attivita’ neurale, aprendo la strada a studi di
altissima precisione su funzioni cerebrali complesse, quali la
memoria e l’apprendimento, e su molte patologie neurologiche.
La notizia e’ stata pubblicata sulla rivista Science. La
proteina creata e’ un canale ionico per il potassio che
inibisce l’attivita’ elettrica delle cellule eccitabili in
risposta alla luce blu. BLINK1 e’ stata costruita fondendo due
domini proteici che fungono rispettivamente da sensore della
luce e da effettore. Il sensore della luce e’ stato prelevato
da una proteina delle piante, il recettore per la luce blu
LOV2, mentre l’effettore a’ un poro di un canale ionico, Kcv,
identificato nei virus e da molti anni oggetto di studio presso
il laboratorio di Milano. BLINK1, sperimentata con successo su
un modello animale (il pesce zebra Danio rerio), potra’
consentire applicazioni che richiedano l’inibizione
temporalmente precisa e reversibile dei neuroni: una tecnica
che apre la via a studi di altissimo livello di precisione su
funzioni cerebrali complesse, quali la memoria e
l’apprendimento, e su molte patologie neurologiche. (AGI)
Red/Pgi
.

(AGI) – Washington, 11 mag. – Per la prima volta la Risonanza
Magnetica per Imaging (MRI) e’ stata utilizzata per
identificare come il cervello dei giovani, che hanno alcuni
sintomi della schizofrenia, sono cablati in modo diverso. A
farlo e’ stato un gruppo di ricercatori del Cardiff University
Brain Research Imaging Centre (CUBRIC), dell’Institute of
Psychiatry, Psychology and Neuroscience del Kings College di
Londra e della University of Bristol. I risultati sono stati
pubblicati sulla rivista Human Brain Mapping. “Sappiamo gia’
che il cervello delle persone affette da schizofrenia e’
cablato in modo diverso ed e’ meno efficiente di quello delle
persone sane”, ha spiegato Derek Jones, direttore del Cubric.
“Tuttavia, fino ad ora, nessuno studio ha cercato di utilizzare
queste informazioni per guardare gli individui sani con alcuni
degli stessi sintomi, ma senza avere la condizione”, ha
aggiunto. Utilizzando uno specifico tipo di risonanza magnetica
che mappa il cablaggio del cervello, i ricercatori hanno
effettuato scansioni su 123 persone che presentano una certa
vulnerabilita’ alla schizofrenia e 125 persone senza,
confrontando in questo modo le differenze nel cablaggio dei
loro cervelli. I risultati hanno mostrato una ridotta capacita’
dei soggetti vulnerabili alla schizofrenia di trasmettere
informazioni da una regione cerebrale all’altra e una serie di
deviazioni in alcuni percorsi dove viaggia l’informazione. “I
cambiamenti che abbiamo identificato nelle reti cerebrali sono
estremamente sottili”, ha detto Mark Drakesmith della Cardiff
University. “Tuttavia, utilizzando un tipo specifico di
risonanza magnetica (MRI) che mappa il cablaggio del cervello –
ha continuato – abbiamo fatto alcune scoperte fondamentali che
non sarebbero stati rilevate con le piu’ affermate tecniche di
imaging del cervello”. La tecnica utilizzata dai ricercatori si
avvale di un ramo della matematica chiamato “teoria dei grafi”
che permette di esaminare le caratteristiche arichitettoniche
di reti complesse, come l’efficienza del trasferimento di
informazioni. Questo approccio viene tradizionalmente
utilizzato in matematica, ma ora potrebbe aiutare
neuroscienziati e psichiatri a capire come il cervello e’ viene
alterato nelle malattie mentali. I ricercatori sperano che la
nuova analisi possa fornire un prezioso spaccato di come il
cablaggio del cervello causa i sintomi della schizofrenia, e,
soprattutto, offrire uno nuovo strumento per la previsione
della malattia in futuro.

(AGI) – Washington, 11 mag. – Le persone che da bambini sono
state costrette a combattere un tumore hanno piu’ probabilita’
di essere obese, a causa delle terapie che hanno ricevuto da
piccoli. Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio del Jude
Children’s Research Hospital di Memphis (Usa), pubblicato sulla
rivista CAncer. I risultati suggeriscono la necessita’ di
intervenire in maniera piu’ mirata ed efficace per aiutare i
pazienti sopravvissuti a un cancro infantile a perdere peso.
Precedenti ricerche hanno dimostrato che i tassi di obesita’
sono piu’ elevati nelle persone che, a causa di un tumore
infantile, sono state esposte a radiazioni craniali, utilizzate
per prevenire o ritardare la diffusione del cancro al cervello.
I ricercatori hanno cosi’ coinvolto nel nuovo studio 1.996
pazienti sopravvissuti e trattati precedentemente per un
tumore, diagnosticato almeno 10 anni prima. Ebbene, gli
studiosi hanno scoperto che il 47 per cento dei pazienti che
hanno ricevuto la radioterapia cranica erano obesi contro il
29,4 per cento dei sopravvissuti che non hanno ricevuto lo
stesso trattamento. Le probabilita’ di essere obesi sono
risultate piu’ elevate tra i sopravvissuti trattati con
radiazione craniale e che avevano ricevuto anche
glucocorticoidi. Inoltre, sono stati trovati una serie di
legami con alcuni varianti genetiche coinvolte con la crescita,
riparazione e connettivita’ dei neuroni. “La capacita’ di
identificare i pazienti a maggior rischio puo’ guidare la
selezione di protocolli terapeutici in grado di massimizzare i
risultati del trattamento e al contempo di minimizzare il
rischio di complicanze a lungo termine tra i bambini con
diagnosi di cancro”, hanno concluso gli scienziati. (AGI)

Listini ancora più interessanti per le APU AMD, proposte che integrano al proprio interno componente CPU e GPU. Non mancano versioni a più basso consumo, accanto a quelle con suffisso K che possono venir overcloccate più facilmente



Per quanto molti sostenitori della casa di Kyoto si aspettino annunci a sorpresa, l’E3 di Nintendo sarà all’insegna di Wii U e 3DS secondo quanto emerso da un questions & answers tenuto da Nintendo con i suoi investitori a seguito della pubblicazione dei risultati finanziari annuali, avvenuto poche settimane fa. A parte la possibilità che la futura console Nintendo, nome in codice NX, sia region-free non sono stati rilasciati ulteriori dettagli e, anzi, si è ribadita l’intenzione di focalizzare l’attenzione sui titoli per Wii U e 3DS durante la prossima fiera losangelina.

l'e3 di nintendo sarà all'insegna di wii u e 3ds

L’altro fronte caldo riguarda quello dei giochi mobile e, anche qui, sembra che Nintendo non farà annunci, ribadendo quindi l’intenzione di puntare tutte le sue energie sul presente della sua home console e della sua portable console. Nintendo NX sarà svelata durante il 2016, come ribadito da Satoru Iwata, e dopo gli ultimi E3 in cui Nintendo non ha presenziato fisicamente, ma ha rilasciato degli speciali Nintendo Direct, questo atteggiamento non deve stupire ma, nonostante ciò, i numerosi fan attendono con ansia questo E3 2015 in cui, si spera, ci saranno comunque delle sorprese.

Fonte: nintendolife

Un grosso rumor si sta diffondendo intorno al territorio giapponese, ossia che 2Chan un noto forum oltreoceano ha riportato che Intelligent Systems starebbe lavorando allo sviluppo di un nuovo Paper Mario in esclusiva per Wii U.

La causa di questo rumor è dovuto da dei volantini e una brochure distribuita da Nintendo stessa nel corso di un evento dedicato al mondo del lavoro. E, da come potete vedere dalle immagini qui sotto, i contenuti di questi materiali fanno parecchio riferimento a un’eventuale Paper Mario.

paper-mario-wiiu-rumor-01

paper-mario-wiiu-rumor-02

Al momento di ufficiale non c’è nulla, dunque non ci resta che attendere conferme o smentite da parte dell’azienda di Kyoto.

 

Fonte: MyNintendoNews

(AGI) – Roma, 11 mag. – Youth, di Paolo Sorrentino, uscira’ nele sale il 20′ maggio. Nel cast il due volte premio Oscar Michael Caine, Harvey Keitel, il premio Oscar Rachel Weisz, Paul Dano, il due volte premio Oscar Jane Fonda. Ideato e scritto da Paolo Sorrentino, e’ prodotto da Nicola Giuliano, Francesca, Cima, Carlotta Calori. Luca Bigazzi firma la fotografia, Cristiano Travaglioli il montaggio, David Lang la musica, Ludovica Ferrario la scenografia, Carlo Poggioli i costumi. La storia e’ quella di Fred e Mick, due vecchi amici alla soglia degli ottant’anni, trascorrono insieme una vacanza primaverile in un elegante albergo ai piedi delle Alpi. Fred e’ un compositore e direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attivita’. Sanno che il loro futuro si va velocemente esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con curiosita’ e tenerezza alla vita confusa dei propri figli, all’entusiasmo dei giovani collaboratori di Mick, agli altri ospiti dell’albergo, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non e’ dato. E mentre Mick si affanna nel tentativo di concludere la sceneggiatura di quello che pensa sara’ il suo ultimo e piu’ significativo film, Fred, che da tempo ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’e’ chi vuole a tutti i costi vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni. (AGI) .

(AGI) – Istanbul, 11 mag. – Una mercantile turco e’ stato attaccato via aria e via terra mentre si avvicinava al porto di Tobruk, sulla costa libica. Lo ha riferito il ministero degli Esteri di Ankara, sottolineando che la nave e’ stata nuovamente colpita mentre tentava di lasciare la zona, in acque internazionali.

Nell’attacco e’ morto il terzo ufficiale della nave e altri membri dell’equipaggio sono rimasti feriti.

In Libia la Turchia sostiene il governo islamista di Tripoli che si contrappone a quello di Beida, riconosciuto dalla comunita’ internazionale ed espressione del Parlamento in esilio a Tobruk. (AGI)

(AGI) – Roma, 11 mag. – Exor ha sottoscritto un accordo per cedere Cushman & Wakefield a Dtz per 1,278 miliardi di dollari. Lo riferisce una nota. La fusione tra le due societa’ dara’ vita a uno dei piu’ grandi gruppi al mondo nel settore dell’intermediazione e dei servizi per il settore immobiliare, riconosce a Cushman & Wakefield un enterprise value complessivo pari a 2,042 miliardi di dollari e fa registrare a Exor una plusvalenza di 722 milioni di dollari. Il perfezionamento della transazione, che e’ soggetto alle consuete condizioni nonche’ all’approvazione delle competenti autorita’, e’ previsto per il quarto trimestre del 2015. La societa’ risultante operera’ con il marchio Cushman & Wakefield. Gli azionisti di Dtz, Tpg Capital, Pag Asia Capital e Ontario Teachers’ Pension Plan, si sono impegnati a investire nello sviluppo della nuova societa’, preservando e valorizzando l’eccezionale qualita’ del senior management e dei brokers di Cushman & Wakefield. (AGI) .