Newsletter

Flag Counter

Facebook Page

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Come ben sappiamo il mondo dei monitor e in continua evoluzione ed ovviamente ASUS non si tira di certo indietro in questo campo. ASUS, leader mondiale nella produzione di monitor, è sempre pronta a portare sul PG248Qmercato nuovi gioielli! La casa, punta a produrre monitor con alte frequenze di aggiornamento ed uno dei primi tentativi di praticare l’overclock sul refresh rate di un monitor è stato fatto con il PG279Q, con pannello IPS. La stessa tecnica è stata usata con il monitor di questa recensione, ossia il PG248Q che raggiunge però una frequenza d’aggiornamento maggiore dei 165 Hz, per prestazioni ancora superiori.

Contenuto della confezione e specifiche

Il pack di vendita del monitor è molto semplice, infatti sul frontale contiene l’immagine del monitor ed ovviamente il logo ASUS. Il PG248Qpackaging è fatto a regola d’arte, infatti il monitor è protetto da uno strato di polistirolo alquanto spesso. Il bundle è composto dall’alimentatore e dal cavo di alimentazione, da un cavo DisplayPort e da uno USB 3.0, guida rapida, libretto per la garanzia, cavo HDMI e CD di supporto contenente i driver.
ASUS PG248Q è un monitor da 24” con un pannello TN a risoluzione 1920×1080. Gli angoli di visione quindi non sono elevatissimi, e luminosità massima dichiarata dal produttore è pari a 150 candele su metro quadro, con un rapporto di contrasto di 1000:1. Il pannello essendo un TN ASUS è potuta scendere molto con il tempo di risposta, di solo 1 ms. Il refresh rate del pannello è di 180 Hz il meglio del meglio presente sul mercato. ASUS ha inoltre affermato che il pannello consuma a malapena 65W.

Aspetto estetico e materiali

Per la fascia alta dei suoi monitor, ASUS ha adottato più o meno lo stesso design tra i vari modelli. Il colore del monitor è grigio, standard dei modelli ROG. Il logo ASUS è piazzato sulla parte inferiore e le cornici sono spesse solo 14mm. Sulla cornice destra invecePG248Q abbiamo i classici tasti per configurare il monito di classe ROG. Il profilo del PG248Q è piuttosto sottile, mentre il retro è abbastanza elaborato. Sempre sul retro in alto c’è il simbolo di ASUS, mentre al centro scorgiamo l’aggancio VESA 100 × 100, compatibile con i rispettivi stand a muro. Ovviamente troviamo le connettività del monitor ossia ingresso DisplayPort, un HDMI, un USB 3.0 upstream, due USB 3.0 classiche, ingresso per il cavo di alimentazione e jack audio 3.5 per le cuffie. Il supporto da scrivania comprende una base molto ampia con un foro sul supporto che permette il passaggio dei fili. La sua forma è (quasi) quadrata, con dei bordi spigolosi e due adesivi relativi al chip NVIDIA G-Sync e al supporto della PG248Qtecnologia NVIDIA 3D vision. Sempre sulla base è presente un anello, che si illumina di rosso all’accensione del monitor.

Il monitor supporta tutta una serie di movimenti ergonomici ed ovviamente può essere ruotato a nostro piacimento, anche nella posizione pivot. Il monitor è fatto con materiali di qualità eccelsa, con delle plastiche opache davvero piacevoli al tatto e alla vista. L’intera scocca è fatta di plastica veramente lavorata bene.

Esperienza d’uso – OSD

L’OSD come sappiamo è identico in tutti i monitor ROG La prima sezione dell’OSD è rappresentata dall’overclocking della frequenza di aggiornamento che appunto arriva sino a 180 Hz. La seconda è relativa alle GameVisual, cioè ai preset predefiniti che l’azienda ha preparato per le varie tipologie di contenuti. Troviamo la modalità racing, cinema ecc ecc. Non poteva mancare ovviamente il filtro Blu, per non far affaticare gli occhi. Il monitor è dotato del menu regolazione del colore, completamente personalizzabile. Dalle ultime due sezioni è possibile scegliere l’input, visualizzare le informazioni o attivare Light In Motion, la feature che abilita l’illuminazione rossaPG248Q sull’anello e il logo ROG della base. Anche se dotato di un pannello TN, il monitor offre una visione chiarissima delle immagini, ed una resa eccellente! Il monitor in questione possiede uno dei pannelli TN migliori sul mercato. Pur essendo un 24” non abbiamo notato differenze di colore sostanziale. Grazie al tempo di risposta di 1 solo Ms, non abbiamo avuto problemi di ghosting. Una nota negativa e che i 180 Hz non sono poi cosi distinguibili dai classici 144 Hz, inoltre alcune volte i colori risultano fin troppo accesi e nonostante il filtro blu, possono dar fastidio. La loro utilità e quindi limitata. NVIDIA G-Sync funziona benissimo, come sul resto della gamma dotata della tecnologia di casa ASUS.

L’articolo ASUS ROG PG248Q – Recensione è estratto da GamesVillage.it.

Anche Tuttosport paga il tributo al Napoli primo nel proprio girone di Champions dopo la vittoria contro il Benfica firmata da Mertens e Callejon. “Il Napoli entra agli ottavi da big”, il titolo scelto dal quotidiano piemontese.

Il Napoli espugna l’Estadio da Luz, arrivando agli ottavi di finale da prima nel proprio girone di Champions League. Il Mattino esalta l’impresa degli uomini di Sarri.

Se non ci fosse polemica non sarebbe l’Italia, e le ultime vicissitudini susseguenti al Derby di Roma non hanno fatto altro che confermare questo proverbiale assunto.