Newsletter

Flag Counter

Facebook Page

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Bangkok – Dopo la morte del re thailandese Bhumibol Adulyadej, le redini del Paese passeranno nelle mani di Prem Tinsulanonda, generale 96enne, tra i più stretti consiglieri del defunto monarca. Nonostante l'età molto avanzata, l'ex premier e capo di Stato maggiore gode di un grande ascendente e di potere senza uguali nel Paese asiatico e per diversi anni è stato alla guida del Consiglio privato del re Adulyadej.

Adulyadej, il re che traghettò il Paese da Washington a Pechino

Arrivato nel 1978 alla guida dell'esercito, nel 1980 promosse un colpo di Stato con il benestare del re, aprendo un periodo di otto anni in cui la Thailandia godette di una stabilità politica ed economica come raramente si è visto in seguito. Tra le persone più vicine al defunto monarca, la sua designazione è considerata un fattore rassicurante. Rimasto per anni a lavorare nell'ombra per il Paese, profondamente inserito nel sistema militare e nell'amministrazione, Tinsulanonda è stato accusato dai manifestanti di aver fomentato il colpo di Stato che nel 2006 rovesciò l'allora premier Thaksin Shinawatra, detestato dalle elite monarchiche e considerato dalla famiglia reale il pericolo numero uno. La sua scelta come reggente, in attesa che l'erede al trono designato, Maha Vajiralongkorn, superi "il periodo di profonda tristezza", segue la Costituzione che prevede l'insediamento del leader del Consiglio privato del re. Resta l'interrogativo sul periodo di reggenza, ma il leader della giunta militare Prayut Chan-o-Cha ha lasciato intendere che ci potrebbe volere anche un anno per il passaggio dei poteri. Un periodo che servirà a trovare un nuovo equilibrio tra i militari, la vecchia guardia e il principe ereditario, abituato a vivere in Germania e lontano dagli affari del Paese. (AGI) 

Roma – Un poliziotto è riuscito a raggiungere la sommità della sesta vetta più alta del mondo sull'Himalaya, senza ausilio di bombole di ossigeno. La polizia di Stato ne dà notizia oggi sull'account Facebook Agente Lisa. A cimentarsi nell'impresa l'assistente capo della polizia Eumir Martinelli, che ha raggiunto la sommità del monte Cho Oyu (8.201 metri), con una spedizione himalayana.

 

//

 

Martinelli, unico italiano e poliziotto in questa spedizione, ha toccato cima alle 13.15 del 30 settembre scorso nonostante le difficoltà di carattere ambientale dovute alle condizioni meteo avverse e alle bufere che si abbattevano all'improvviso sulla montagna. Oltre a lui solo altri 4 alpinisti stranieri hanno ottenuto, alle medesime condizioni, lo stesso risultato. L'assistente capo aveva partecipato 6 anni fa ad un'altra spedizione sull'Himalaya, ma le condizioni psico-fisiche non gli avevano permesso di raggiungere la sospirata cima. Martinelli ha centrato ora l'obiettivo. Il suo amore per la montagna lo ha portato a far parte del gruppo sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato dal 1997 al 1999, nella disciplina di sci alpino. (AGI)

Roma – L'Iniziativa Pmi (SME Initiative) adottata dall'Italia si basa sullo strumento finanziario della cartolarizzazione di crediti esistenti per liberare risorse di banche e altri intermediari finanziari per la concessione di nuovi prestiti alle piccole e medie imprese.

CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

Gli intermediari selezionati dal Fondo europeo per investimenti (Fei, controllato Bei) avranno la possibilità di cartolarizzare i portafogli, cioè cederli a una società veicolo (SPV, Special purpose vehicle), che si finanzierà tramite l'emissione di obbligazioni (ABS, asset backed securities). A sottoscrivere le obbligazioni saranno la Bei (tranche senior) ed il Fei (tranche mezzanine). La partecipazione di Bei e Fei, con l'utilizzo del proprio bilancio, sarà possibile grazie all'ulteriore intervento del Fei che, come gestore dell'iniziativa, sottoscriverà parte delle obbligazioni junior (più rischiose) utilizzando sia i 202,5 milioni messi a disposizione dallo Stato italiano sia il contributo di quattro milioni messo a disposizione dalla Commissione Europea con il programma Cosme (programma per la competitività delle imprese e Pmi).

LO STATO GARANTE

Di fatto, invece che essere destinati al finanziamento diretto di progetti di imprese per pari importo (202,5 milioni), la risorse nazionali agiscono da catalizzatore per fondi Bei e Fei: lo Stato si assume il rischio delle prime perdite di un portafoglio esistente, permettendo cosi l'intervento del gruppo Bei per oltre un miliardo. Con un effetto leva positivo per l'economia italiana e un uso efficace delle risorse comunitarie.

NUOVA FINANZA ALL'ECONOMIA PER 1,2 MILIARDI

Ma come si arriva ad avere nuova finanza per le Pmi nel Mezzogiorno? Grazie al duplice ruolo degli intermediari finanziari selezionati che da un lato grazie alla cartolarizzazione dei crediti esistenti possono liberare capitale di vigilanza da reimpiegare per nuovi finanziamenti. Dall'altro lato, grazie al miglioramento dei ratios patrimoniali, dovranno concedere nuovi prestiti a Pmi (incluse le microimprese) nelle otto regioni menzionate per un importo pari ad un multiplo delle risorse pubbliche utilizzate. In pratica l'utilizzo combinato di risorse europee e nazionali ha un effetto leva finale di circa uno a sei. Invece di poco più di 200 milioni arriverà ad almeno 1,2 miliardi di nuova finanza all'economia. Nei prossimi giorni il Fei pubblicherà un invito a manifestare interesse finalizzato a selezionare gli intermediari finanziari ammissibili (banche, istituti di garanzia, società di leasing). (AGI)

Firenze – Il numero della domanda d'italiano negli istituti di cultura e nelle universita' all'estero nel 2016 e' salito a 2,3 milioni di persone. E' quanto emerso nella prima giornata degli 'Stati generali della lingua italiana nel Mondo' in corso a palazzo Vecchio. Al ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, il dato politico. Due sono gli "obiettivi politici: integrare nel nostro Paese con azioni precise e promuovere nuove forme di internazionalizzazione, per rispondere alla domanda di bellezza che proviene dal cinema all'industria". "Per questo credo che la proposta come quella del sindaco Nardella di un incremento della mobilita' e di un Erasmus delle Arti sia proposta da accogliere, ma credo soprattutto che lo stanziamento da 50 milioni di euro nella legge di stabilita' sia importante" "Per la prima volta abbiamo uno strumento – ha proseguito -, abbiamo delle risorse e una meta. Il processo avviato dal ministero degli Esteri, a cui tutti abbiamo partecipato oggi, ci consegna la possibilita' di competere a livello mondiale".(AGI)

(AGI) – Roma, 17 ott. – Da Melbourne in Australia, dove sono stati premiati da Sol d’Oro Emisfero Sud un mese fa, all’Olive Oil Kansai 2016 International Exhibition di Osaka in Giappone, dove si radunano i piu’ importanti buyer di olio di oliva del continente asiatico. E’ questo il percorso promozionale che Veronafiere offre agli oli extravergine di oliva vincitori del piu’ importante concorso internazionale dedicato alle produzioni oleicole di qualita’.
Il 18 ottobre in programma per 70 top trader un seminario con tasting guidato dedicato agli oli extravergine dell’Emisfero Sud, mentre dal 18 al 20 ottobre piccole sessioni di degustazione su prenotazione si susseguiranno presso lo stand che ospita anche gli oli vincitori di Sol d’Oro Emisfero Nord, svoltosi nel febbraio scorso a Verona.
Ad Osaka verra’ annunciato ufficialmente l’accordo di collaborazione con l’Olive Oil Kansai International Exhibition, che ha chiesto di ospitare l’edizione 2017 di Sol d’Oro Emisfero Sud. La data verra’ fissata nel periodo piu’ adatto alla valutazione degli oli prodotti al di sotto dell’equatore, pur essendo il Giappone nell’emisfero nord.
“Veronafiere – ha dichiarato il presidente Maurizio Danese – ha risposto con grande interesse alla proposta di Osaka, perche’ corrisponde ad uno degli scopi principali del Concorso, che e’ quello di promuovere la crescita della cultura e della conoscenza dell’olio extravergine di oliva di qualita’ nel mondo. L’accordo, inoltre, ci permette di svolgere un’azione mirata e una puntale promozione per uno dei prodotti di punta dell’agroalimentare made in Italy, che va sostenuto e comunicato ribadendone la qualita’ e le peculiarita’, soprattutto nei mercati sensibili alla storia e alle caratteristiche degli alimenti”.
Nella due-giorni di Osaka, in calendario anche la presentazione dell’edizione 2017 di Sol&Agrifood, in programma dal 9 al 12 aprile a Verona (www.solagrifood.com), cosi’ da far conoscere il Salone Internazionale dell’Agroalimentare di qualita’ a una platea di operatori specializzati molto interessanti per gli espositori della rassegna veronese.
L’apprezzamento dei consumatori giapponesi per l’olio di oliva, in particolare extravergine, e’ legato sia alle sue proprieta’ salutistiche che a quelle organolettiche (profumo e sapore) in abbinamento a piatti della cucina italiana e mediterranea.
(AGI)

Bru

Nuoro – La Sardegna e' ancora al primo posto nel mondo per incidenza di diabete in eta' pediatrica con 60 casi ogni 100.000 bambini in eta' evolutiva contro una media nazionale di 12 casi. Gli allarmanti dati epidemiologici sono stati confermao da Anna Franca Milia, pediatra Diabetologa dell'ospedale "San Francesco" di Nuoro in occasione del convegno "Diabete Mellito-Scuola e Societa'" organizzato dalla Asl e dall'Agd Italia, il coordinamento Associazioni di aiuto a bambini e giovani con diabete. Il diabete di tipo1 non si puo' prevenire ma si deve gestire al meglio – e' stato sottolinenato nel corso dell'iniziative – per cui e' stato illustrato il percorso del bambino con diabete, dall'esordio all'inserimento scolastico, dalla conoscenza della malattia all'importanza del sostegno psicologico e del supporto alla famiglia. (AGI)