Newsletter

Flag Counter

Facebook Page

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

I giornali lo danno per spacciato, ma lui non si arrende. Antonio Razzi dà per tutt'altro che scontata la sua esclusione dalle liste elettorali di Forza Italia, dopo che, come riporta il Corriere, il senatore non è stato convocato alla sede del partito, a piazza di San Lorenzo in Lucina, per firmare l’accettazione della candidatura. Il suo primo commento, al telefono, è stato laconico: "Al momento non so niente. Nessuno mi ha chiamato. Ora sono a casa, sono super influenzato e sto prendendo gli antibiotici… Se non mi chiamano è chiaro che non posso andare a firmare…".


Chi è Antonio Razzi

Abruzzese, classe 1948, prima operaio tessile in Svizzera, poi, nel 2006, catapultato in Parlamento per l'Italia dei Valori circoscrizione estero, passa a Noi Sud prima e Forza Italia dopo per essere rielettonel 2013. E' celebre per le difficoltà nel padroneggiare l'italiano e le gaffe riprese dalle telecamere nascoste. Ma anche per il rapporto privilegiato con la Corea del Nord che ha definito 'La Svizzera d'Oriente'. 

Intervistato da Un giorno da pecora Razzi ha affermato di essere "di proprietà di Berlusconi, quello che lui mi dice io faccio". Ha  aggiunto che per Berlusconi farebbe "qualsiasi cosa, anche buttarsi sotto a un treno" o votare Totò Riina presidente della Repubblica, se Berlusconi gliel'avesse chiesto


Poi però la dose di antinfluenzali deve essere stata più forte, perchè ha preso carta e penna per comunicare alle agenzie che: "I miei rapporti di correttezza e lealtà con il partito e con il Presidente Berlusconi sono tali da escludere una modalità di questo tipo in quanto non ho ricevuto nessuna comunicazione in questo senso. Pertanto, dato il rapporto di fiducia reciproca sono tranquillo nel dichiarare, senza tema, che queste notizie non hanno fondamento sino a quando Forza Italia non ufficializzerà le proprie decisioni nella compilazione delle liste dei suoi candidati". 

Intanto su Twitter impazza l'hashtag #razzi

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+”://platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);

 

Oggi alle ore 14:30 la SPAL è tornata a lavorare in vista della prossima gara di campionato contro l’Inter (domenica alle 12:30). Seduta pomeridiana, alla quale seguirà nella giornata di domani un doppio allenamento alle 10 e alle 15.

Tanti dubbi per la Lazio in vista della gara con l’Udinese. Oltre a Immobile, fermo per il trauma distrattivo alla coscia destra, Inzaghi rischia di dover rinunciare anche a Stefan de Vrij, che a sorpresa ha saltato la rifinitura del pomeriggio.