Alexandre Pato è un calciatore brasiliano, nato a Pato Branco il 2 settembre 1989. È un attaccante, attualmente in forza al San Paolo.

Pato è considerato uno dei più grandi talenti brasiliani degli ultimi anni. Ha esordito in prima squadra all’Internacional di Porto Alegre a soli 16 anni, e ha subito impressionato per le sue doti tecniche, fisiche e atletiche.

Nel 2007, a soli 18 anni, è stato acquistato dal Milan per una cifra record di 22 milioni di euro. Al suo debutto in Serie A, contro il Napoli, ha segnato una doppietta. Nella sua prima stagione in Italia, Pato ha segnato 18 gol in 30 partite, contribuendo alla vittoria del Milan del campionato.

Pato ha continuato a collezionare gol e assist con il Milan, e si è affermato come uno dei migliori attaccanti del mondo. Nel 2011, ha vinto la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana con i rossoneri.

Tuttavia, la sua carriera è stata caratterizzata da numerosi infortuni, che ne hanno frenato la progressione. Nel 2013, è stato ceduto in prestito al Corinthians, dove ha vinto il campionato brasiliano.

Negli anni successivi, Pato ha giocato con diverse squadre, tra cui Chelsea, Villarreal, Tianjin Quanjian e Orlando City. Ha continuato a segnare gol, ma non è riuscito a ritrovare la continuità di rendimento che aveva mostrato al Milan.

Nel 2023, Pato è tornato al San Paolo, la squadra dove ha iniziato la sua carriera. Ha segnato 12 gol in 20 partite, contribuendo alla vittoria del campionato paulista.

A 34 anni, Pato è ancora un giocatore in grado di fare la differenza. Tuttavia, la sua carriera è stata segnata da un talento sprecato, a causa degli infortuni e di alcune scelte sbagliate.

Il talento di Pato

Pato è un attaccante completo, dotato di un’ottima tecnica, di un fisico potente e di una grande velocità. È un ottimo finalizzatore, e sa giocare sia come prima punta che come seconda punta.

Pato è anche un giocatore molto generoso, che non si risparmia mai in campo. È un leader nato, e ha sempre dimostrato di avere una grande personalità.

Gli infortuni

Gli infortuni sono stati il vero nemico di Pato. Ha subito numerosi stop, che ne hanno condizionato la carriera.

Il primo infortunio importante è arrivato nel 2010, quando Pato si è rotto il crociato anteriore del ginocchio destro. L’infortunio lo ha costretto a stare fuori per quasi un anno.

Nel 2013, Pato si è rotto il crociato anteriore del ginocchio sinistro. L’infortunio lo ha costretto a stare fuori per altri nove mesi.

Pato ha continuato a soffrire di problemi fisici anche negli anni successivi. Nel 2016, si è rotto il menisco del ginocchio destro. Nel 2018, si è rotto il tendine d’Achille.

Le scelte sbagliate

Pato ha anche fatto alcune scelte sbagliate nella sua carriera. Nel 2013, ha lasciato il Milan per il Corinthians, una squadra che non era al suo livello.

Nel 2016, ha firmato un contratto con il Chelsea, una squadra troppo competitiva per lui.

Nel 2017, ha firmato un contratto con il Tianjin Quanjian, una squadra cinese che gli ha permesso di guadagnare molto denaro, ma che non gli ha dato la possibilità di giocare a un livello alto.

Il futuro

A 34 anni, Pato è ancora un giocatore in grado di fare la differenza. Tuttavia, la sua carriera è stata segnata da un talento sprecato, a causa degli infortuni e di alcune scelte sbagliate.

Pato ha ancora la possibilità di dimostrare il suo valore, ma dovrà essere molto bravo a gestire il suo fisico e a fare le scelte giuste.